ONLINE GLI ATTESTATI DI PARTECIPAZIONE AL GIRO 2018

clicca sull'icona a fianco del tuo nome per scaricare l'attestato di partecipazione

29° GIRO PODISTICO

ISOLA D'ELBA
e dell'arcipelago toscano

Con il patrocinio del Parco Nazionale dell'Arcipelago Toscano dei comuni interessati del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio

13-19 MAGGIO 2019

29° giro podistico dell'Isola d'Elba - 3° Memorial Angelo Re

NEWS

03-02-2012

Verso l'Enfola e ritorno

Inizia da qui il prossimo Giro Podistico dell'Isola d'Elba raccontato da Fulvio Massini

1° Tappa Portoferraio, Enfola, Portoferraio

Pronti ? via ! Ormai siete partiti ed insieme a voi è partito il Giro dell’ Isola a forma di pesce, L’isola d’Elba. Vi eravate mai accorti questa autentica perla del Tirreno vista dall’alto sembra un pesce? La bocca è rivolta verso la Corsica, la coda verso l’Italia. Voi, e chissà forse sarò anch’io fra di voi, vi state dirigendo verso una delle due pinne centrali del pesce “Elba “, il promontorio dell’ Enfola. Dopo la partenza in pianura inizierete a correre sui dolci saliscendi che da Portoferraio faranno arrivare fino al punto in cui la strada a sinistra va verso Viticcio ed a destra scende verso il promontorio dell’ Enfola. Non lasciatevi prendere dall’entusiasmo, partite tranquilli. Occhio perché la discesa dell’Enfola poi la dovrete rifare in salita e vi garantisco che le vostre gambe vi faranno notare che state correndo in salita. Quella costruzione che oggi vi appare rimessa a nuovo è sede del parco dell’Aricipelago Toscano, prima era una tonnara. Sì, qui venivano lavorati i tonni pescati nelle zona. Dietro la ex tonnara il promontorio dell’Enfola. Nei prossimi giorni venite qui a fare una passeggiata in cima troverete ancora i tunnel che i militari della marina militare avevano costruito nel 1925. Arrivando proprio sulla punta potrete trovare i residui di una postazione che accoglieva un cannone usato nelle seconda guerra mondiale. Questa è una zona di nidificazione dei Gabbiani, attenzione a non pestare le uova, le Gabbiane potrebbero inferocirsi. Scusate, la divagazione, torniamo alla gara. Dopo la salita vi dirigerete di nuovo verso Portoferraio, se vi siete risparmiati nelle prima parte ora potrete correre. La strada sarà sempre saliscendi ma a vostro favore. Ricordatevi che  è solo la prima tappa, ma “dateci dentro”. L’arrivo a Portoferraio, il capoluogo dell’Elba, del quale vi racconterò qualcosa una delle prossime volte. Buon giro a tutti. Alla prossima.

Fulvio Massini